Visualizzazione post con etichetta mostra. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta mostra. Mostra tutti i post

giovedì 10 aprile 2014

di Unknown

VideoPost | MUTAFORMA, la prima Biennale d'Arte Giovane Abruzzese


Questo week end chiuderà i battenti una delle mostre più interessanti del panorama artistico abruzzese. 
Avete tempo fino al 13 aprile per dirigervi al Mu.Mi. Museo Michetti di Francavilla al Mare (CH), che accoglie nei suoi spazi "Mutaforma", la Prima Biennale d'Arte Giovane in Abruzzo

sabato 5 aprile 2014

di Roberta Perego

Andrea Mastrovito alla GAMeC: il disegno che lega terra e cielo



Salendo le scale della GAMeC (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo) si apre luminosissima SpazioZero, sala concepita per accogliere in mostra progetti temporanei site-specific. Sembra una rivelazione improvvisa.

mercoledì 5 marzo 2014

di Unknown

VideoPost | Getulio Alviani e Anna Franceschini, doppia personale da Vistamare



Nelle sale che si rincorrono al secondo piano del palazzo in Largo dei Frentani a Pescara, la Galleria Vistamare di Benedetta Spalletti accoglie una doppia mostra dedicata all'opera di Getulio Alviani e Anna Franceschini.
Un sapiente e misurato faccia a faccia tra uno degli esponenti più incisivi dell'arte programmata e ghestaltica e una giovane videoartista.

martedì 4 marzo 2014

di Roberta Perego

Le fotografie di Izis Bidermanas a Milano, come un bel sogno


L'uomo con le bolle di sapone,
Petticoat Lane, Middlesex Street, Whitechapel, Londra, 1952
© Izis Bidermanas

La parola che meglio può raccontare una visita tra le sale di Spazio Oberdan per la mostra dedicata a Izis Bidermanas è: sorpresa. “Izis. Il poeta della fotografia” arriva a Milano arricchita da 25 nuovi scatti, dopo il successo riscontrato al Museo Alinari di Firenze, per un totale di 140 fotografie esposte. 
Attraverso un percorso sviluppato in sei sale tematiche (da Parigi a Israele, passando per Londra, tra gli scatti circensi e i coloratissimi ritratti di Chagall) viene raccontata con delicatezza particolare l’opera di questo straordinario umanista di origine lituana, migrato nella sua Parigi “dei sogni” nel 1930.
E se il nome suona meno familiare di un Cartier-Bresson, di un Brassai o di un Doisneau, non è che un ulteriore invito ad avvicinarci e scoprire.

mercoledì 26 febbraio 2014

di Unknown

VideoPost | Sironi e la Grande Guerra, la mostra che apre in Italia le riflessioni sul centenario della prima guerra mondiale

M. Sironi, Vittoria alata, 1915
Collezione privata, Milano
Dopo i successi delle mostre dedicate a Francis Bacon, Aligi Sassu, Emilio Greco e ai codici miniati, la Fondazione Carichieti torna ad inaugurare una mostra di alto livello scientifico.  
"Sironi e la Grande Guerra- l'arte e la prima guerra mondiale dai futuristi a Grosz e Dix" - questo il titolo della mostra- s'inserisce all'interno del programma ufficiale delle Commemorazioni del Centenario Prima Guerra Mondiale 2014/2018

giovedì 20 febbraio 2014

di Lucia Zapparoli

Parigi | Mathieu Pernot, l'enfant terrible della fotografia contemporanea francese

M. Pernot, Caravane, serie Le Feu, 2013
© Mathieu Pernot

Ha inaugurato qualche giorno fa la mostra dedicata all’enfant terrible della fotografia contemporanea francese, Mathieu Pernot

La galleria Jeu de Paume di Parigi gli dedica infatti un’ampia retrospettiva fino al 18 maggio, presentando un’accurata selezione dei suoi lavori dagli anni ’90 ad oggi. 
Rara cosa quella di presentare al pubblico un giovane fotografo di nazionalità francese alla Jeu de Paume che di solito guarda più all’internazionale e ai grandi della fotografia attuale o relativamente passata. 

Mathieu Pernot non solo si distingue a testa alta ma espone i suoi lavori in contemporanea anche alla Maison Rouge, altro must del mondo espositivo parigino. 

Che dire Mathieu… félicitations! 

martedì 11 febbraio 2014

di Roberta Perego

Le stanze di Micol Assaël nella pancia di Pirelli HangarBicocca

Micol Assaël, 432 Hz, 2009

Se non siete mai stati alla Fondazione Pirelli HangarBicocca avrete la sensazione di visitare un luogo diverso dal comune. Se ci siete, invece, già stati avrete comunque la sensazione di attraversare un luogo diverso da come lo ricordavate. 
Come spesso accade per le temporanee allestite in questo straordinario edificio industriale, 15.000 metri quadrati riconvertiti nel 2004 da Pirelli in luogo per la promozione della cultura artistica contemporanea, così anche la mostra (pronunciatene il titolo, se ci riuscite) ILIOKATAKINIOMUMASTILOPSARODIMAKOPIOTITA di Micol Assaël trasforma lo spazio espositivo abitandolo perfettamente e, questa volta, svelandolo dall’interno, in un riuscito dialogo di interazione tra opere e ambiente. 

mercoledì 29 gennaio 2014

di Roberta Perego

Irwin e Turrell a Villa Panza, dove si respira la luce

James Turrell, Sight Unseen, Villa Panza, 2013

Splende un bel sole su tutta Varese e sul colle di Biumo Superiore, nei giochi di luce delle stanze di Villa Panza e sui prati del parco inumiditi dal mattino. E’ la giornata giusta per visitare “AISTHESIS. All’origine delle sensazioni” allestimento temporaneo che abiterà la Villa fino al 2 novembre 2014, realizzato in collaborazione con il Guggenheim Museum di New York, il Getty Research di Los Angeles e l’Archivio Panza di Mendrisio. Il progetto vede protagonisti Robert Irwin e James Turrell, maestri dell’Arte ambientale americana, chiamati a intervenire con due progetti site-specific posizionati a conclusione di un riuscito percorso d’immagini e ambienti (19 opere in tutto) che ne ricostruiscono l’intera poetica e l’intima relazione con la Villa e con il suo storico inquilino, Giuseppe Panza di Biumo

giovedì 23 gennaio 2014

di Anna Ricciardi

Napoli contemporanea – Henrik Olai Kaarstein alla T293



C’è tempo fino al 31 gennaio per visitare la personale Mothers di Henrik Olai Kaarstein, alla galleria T293 di Napoli.
In questo spazio espositivo, che si trova nel cuore del centro storico della città, sull’antico decumano maggiore – in via Tribunali 293, per l’esattezza –, il giovanissimo artista norvegese presenta due serie di opere, che si distinguono principalmente dalla scelta del supporto: coprimaterassi e asciugamani. 

lunedì 30 dicembre 2013

di Roberta Perego

Pollock e Warhol: due americani a Palazzo

Andy WarholSilver Coke Bottles, 1967
Collezione Brant Foundation
© The Brant Foundation, Greenwich (CT), USA
 © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts Inc. by SIAE 2013

Prosegue per tutto il periodo natalizio (e oltre) il fitto cartellone di Autunno Americano, rassegna che vede l’America temporaneamente trasferita a Milano. La sede di Palazzo Reale ospita le due retrospettive chiave di questa grande iniziativa: la prima dedicata ai vent’anni e più di Espressionismo Astratto, con il noto gruppo degli artisti irascibili (Jackson Pollock schierato in prima fila), per proseguire poi al piano superiore con una riuscita rilettura dell’immensa produzione di Andy Warhol
Due esposizioni che paiono contagiarsi senza soluzione di continuità; ma è bene partire dall’inizio, per la precisione dal 20 maggio 1950. 

giovedì 19 settembre 2013

di Giovanni Cascavilla

John Lennon, oltre la musica la passione per l'arte

Annie Leibovitz, Yoko Ono e John Lennon, 1980, 
Raccolta di Fotografia Galleria civica di Modena

Dal 13 settembre fino a domenica 20 ottobre presso la Galleria Civica di Modena è allestita la mostra intitolata "All you need is love. John Lennon, Artista, Attore, Performer" a cura di Enzo Gentile, Marco Pierini, Antonio Taormina, promossa e organizzata dalla Galleria Civica di Modena e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, con il sostegno di Hera Group in collaborazione con Beatlesiani d’Italia Associati.

venerdì 19 luglio 2013

di Unknown

Residenze d'artista e critici in papillon ad alta quota per "Roccedimenti", la nuova mostra di Dolomiti Contemporanee

G. D'Incà Levis e P. Daverio in visita alla mostra Roccedimenti, Casso
(foto Francesco Ardini)
Ogni tanto in redazione arrivano puntuali resoconti di eventi che hanno avuto  luogo in gallerie. Oggi pubblichiamo con piacere quanto inviatoci da Nuovo Spazio di Casso, centro per la cultura contemporanea della montagna, aperto in un'ex scuola, chiusa dalla Tragedia del Vajont nel 1963, oggi realtà viva e propulsiva. Basti pensare che molti artisti sono ospitati in alcune case del paese, per la serie residenze d'artista ad alta quota. 
Casso, insieme ad altri comuni delle Dolomiti friulane, rientra nel progetto di Dolomiti Contemporanee, ideato dal bellunese Gianluca D’Incà Levis, che dal 2011 opera sul territorio a cavallo tra Belluno, il Cadore e il Friuli con una rete di iniziative dedicate all’arte contemporanea.
Sabato 6 luglio è stata inaugurata Roccedimenti, e qualche giorno dopo, la mostra e la comunità di Casso hanno accolto un visitatore d'eccezione. 
Eccovi il racconto direttamente dagli addetti ai lavori di Dolomiti Contemporanee...