Visualizzazione post con etichetta Calzadilla. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Calzadilla. Mostra tutti i post

venerdì 29 novembre 2013

di Roberta Perego

Linee di faglia per la Fondazione Nicola Trussardi

Sediments Sentiments, Figures of Speech, (2007)
(Link foto)
Vi siete persi questa bellissima mostra di Allora & Calzadilla in quel di Milano? Eccovi il resoconto...
  
Camminando per via Brera è impossibile non notare che al civico quindici qualcosa sta accadendo. Sarà stato il movimento di persone che attraversa l’elegante ingresso settecentesco, così come le voci acute e grevi che tuonano nel cortile interno in una eco capace di raggiungere la strada. 
Palazzo Cusani è  la nuova sede per la mostra temporanea "Fault Lines" (visitabile fino a domenica 24 novembre) organizzata a Milano dalla Fondazione Nicola Trussardi. Contenitore di fascino baroccheggiante, questa sede ha ospitato la prima grande- personale italiana della celebre coppia americana Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla. Quattordici postazioni declinate nella forma del video, dell’installazione e della performance live, hanno accompagnato il visitatore attraverso le splendide sale settecentesche del primo piano, in un riuscito allestimento di interazione tra l’opera contemporanea e l’arredamento storico di ogni singolo ambiente. 

venerdì 10 giugno 2011

di Unknown

"Gloria" per Allora & Calzadilla!

Gli Stati Uniti alla 54a Esposizione Internazionale d'Arte sono rappresentati dai lavori di Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla nell'esposizione intitolata "Gloria".

Scultura, performance, video ed elementi sonori si combinano tra loro in giustapposizioni inaspettate, tutte alimentate dalla competitivitá e dal nazionalismo.
Sana o malata che sia, la competitivitá si ritrova nei Giochi Olimpici, nel commercio internazionale, nei complessi industriali e nella Biennale stessa.

Due delle sei opere site specific presentate sconfinano dal proprio spazio per riecheggiare ed essere visibili anche dagli altri padiglioni, marcando la presenza degli Stati Uniti a Venezia.

All'esterno Track and Field espone un autentico carro armato di 60 tonnellate capovolto. Sul cingolo destro vi è sovrapposto un tapis roulant funzionante. Un atleta della Federazione statunitense di Atletica Leggera corre ad intervalli regolari durante l'esposizione, rievocando i temi della competizione, del nazionalismo e del militarismo in rapporto al corpo umano, alla salute e al fitness.




Ma a stupirci piacevolmente è sicuramente Algorithm, riproduzione di un organo a canne costruito su misura che nel retro nasconde un bancomat Diebold.
La sostituzione della tipica tastiera e dei pedali con i vari elementi di un bancomat, fanno si che ad ogni transazione finanziaria che i visitatori eseguono, corrisponda una registrazione musicale esclusiva.
I suoni interagiscono in maniera imprevedibile, dando vita ad una rappresentazione auditiva del commercio globale internazionale.



Allora & Calzadilla lavorano assieme dal 1995 e vivono a San Juan, Portorico. A Venezia restituiscono un'idea del proprio stato disincantata, proponendo convinzioni e simboli che da miti si trasformano in consapevoli contraddizioni.

Per saperne di più vi rimandiamo al sito del Padiglione Stati Uniti d'America.
Condividi questo post