giovedì 5 dicembre 2013

di Roberta Perego

La riuscita impresa di fare cultura

Galleria Campari di Sesto San Giovanni
(Link foto)
Si è conclusa il 24 novembre la dodicesima edizione della Settimana della Cultura d’Impresa sostenuta da Confindustria attraverso un ricco programma promosso da Museimpresa - Associazione Italiana Archivi e Musei d’Impresa - su tutto il territorio nazionale. Arte, design, moda, cinema, pubblicità, storia, letteratura e scienza sono stati riproposti al pubblico attraverso incontri, conferenze, workshop, visite guidate e laboratori creativi per i più piccoli, come preziosa occasione (gratuita) di ripercorrere la storia, locale e nazionale, del nostro paese nella formula della promozione della cultura e della produzione contemporanea. 

Gli appuntamenti proposti sono stati moltissimi e hanno visto coinvolti tutti i principali enti associati (53 aziende) in un dispiegarsi di progetti vari nei contenuti e nelle formule di avvicinamento al pubblico: la Fondazione Ansaldo di Genova ha esposto lo straordinario repertorio fotografico conservato dalla fototeca attraverso una mostra dal titolo "Scatti d’Industria"; la Fondazione Pirelli di Milano ha presentato per la prima volta al pubblico le opere di Renato Guttuso realizzate per l’azienda alla fine degli anni Cinquanta; la coloratissima Galleria Campari di Sesto San Giovanni (MI) ha portato in mostra trenta chine originali di Fortunato Depero; l’Archivio Storico Enel di Napoli ha aperto al pubblico per mostrare fotografie e filmati d’epoca che raccontano la costruzione delle prime centrali e l’impatto dell’elettrificazione sulla vita sociale del paese; il MACRO di Roma ha proposto una galleria di immagini che racconta le trasformazioni dell’area industriale Birra Peroni dai primi del Novecento ad oggi ("Ritratto di quartiere. Dallo stabilimento Birra Peroni al MACRO"), progetto che si ascrive all’interno di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma. Altre iniziative hanno coinvolto luoghi ed enti diversificati tra cui, per citarne alcuni, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, La Triennale di Milano, il Museo Salvatore Ferragamo di Firenze, il Museo Kartell di Noviglio (Milano); o ancora Marzocco, Magneti Marelli e Olivetti

Fondazione HangarBicocca
Esempio di questo riuscito progetto di cooperazione tra impresa e cultura artistica contemporanea, Fondazione HangarBicocca e Fondazione Pirelli hanno attivato un programma di visite guidate, video proiezioni e attività di laboratorio, offrendo al pubblico la straordinaria possibilità di avvicinarsi al ricco patrimonio conservato e promosso dall’azienda: dal modernissimo Archivio Storico della Fondazione (3 km lineari di documenti, disegni e manifesti) alla quattrocentesca villa di delizie (Bicocca degli Arcimboldi), per approdare (trasportati da un collegamento di bus-navette) al cuore della contemporaneità attraverso visite guidate agli ex spazi industriali di HangarBicocca e alle due mostre temporanee attualmente in corso ("The Visitors di Ragnar Kjartansson" e "Islands di Dieter e Bjorn Roth"). 

Un fitto programma quello di Museimpresa, che ha il merito di saper presentare, ogni volta, con straordinaria innovazione (e gran riscontro di pubblico) questa riuscita realtà di cooperazione tra cultura e produzione; nella formula della conoscenza storica e del dibattito sul presente, come progetto in continuo divenire. Un partecipato sguardo, storico e vivente, su una fondamentale parte del patrimonio del nostro paese, di cui la cultura artistica contemporanea rimane indiscussa fucina creativa del fare. 

Info e programma: www.museimpresa.com
Condividi questo post

Nessun commento: