giovedì 25 luglio 2013

di Giovanni Cascavilla

The art of the brick: Nathan Sawaya e il piacere di fare arte giocando

N. Sawaya, Face-mask
(Link foto)
Quando l'arte incontra i giocattoli si crea un rapporto spettacolare che attrae la curiosità di un pubblico vastissimo, specialmente i bambini e se il gioco in questione sono i divertentissimi e coloratissimi mattoncini della LEGO, allora il successo popolare è assicurato. Dal cuore della Grande Mela, più precisamente dalle sale del New York City Discovery Times Square, fino al 5 gennaio 2014 sarà esposta la mostra intitolata “The Art of the Brick”, dell'eccentrico artista americano Nathan Sawaya.
L'evento ospita più di 100 sculture tutte costruite con i mattoncini di plastica della famosa azienda danese. La LEGO art di Sawaya si presenta come un'arte universale, accessibile da tutti che punta alle famiglie e ai più piccoli con un tocco di creatività racchiusa nell'anima ludica ma soprattutto fanciullesca dell'artista. 
I soggetti delle sue opere sono perlopiù figure umane a grandezza naturale o stilizzate ma se ne trovano anche alcune di dimensioni mastodontiche, come l'autoritratto intitolato Face-mask, composto da quasi 11000 pezzi o lo scheletro del Tyrannosaurus alto 2 metri, animali ed infine edifici come la versione in scala del ponte di Brooklyn.
L'opera che rappresenta il successo di Sawaya è senza dubbio Yellow, un torso umano a grandezza naturale che si squarcia il petto dal quale fuoriescono migliaia di mattoncini gialli. 

N.Sawaya, Yellow
(Link foto)

Oltre alle creazioni originali non mancano riproduzioni di opere famose di alcuni mostri sacri della storia dell'arte come L'Urlo di Munch o la Ragazza col turbante di Jan Vermeer e Il Pensatore di Auguste Rodin. 

N. Sawaya, The Screen
(Link foto)

L'originalità dell'ex avvocato newyorchese viene apprezzata in tutto il mondo per la sua capacità di stupire ma soprattutto di unire alla tecnologia le regole classiche della pittura e della scultura, giocando con l’illusione dell’immagine bidimensionale del quadro che si trasforma in 3D, dando la sensazione di ritrovarsi di fronte allo schermo di un vecchio videogame da bar a bassa risoluzione.

Nathan Sawaya
(Link foto)
“The Art of the Brick” costituisce la più grande mostra di arte lego mai realizzata prima d'ora è sarà sicuramente un grande successo. 
Intanto con la speranza che arrivi anche in Italia è possibile apprezzare alcune delle opere esposte sul sito.
Condividi questo post

Nessun commento: